I bambini hanno una voce!

12.10.12 MadreCreativa 14 Comments

Un giorno è trascorso eppure proprio non ce la faccio a tornare agli argomenti leggeri, che di solito popolano questo blog!
Da stamattina penso a quel bambino, alla notte trascorsa da solo in una casa famiglia e proprio non riesco a capacitarmene!
Come è possibile che si sia arrivati a questo punto? Come è possibile che due persone adulte che si sono amate, arrivino a perdere di vista qualsiasi cosa e trasformare il frutto del loro amore in un oggetto di contesa?
Leonardo implorava aiuto, come fa qualsiasi essere umano che si trova in pericolo e chi, in genere, soccorre in aiuto dei figli? I genitori! Che, invece, in questa assurda vicenda sono coloro che hanno messo in pericolo il loro figlio.
Tu, papà di Leonardo pensi davvero che tuo figlio possa amarti, perchè lo hai allontanato dalla sua mamma?
E tu mamma, possibile che non sei riuscita a convincere il tuo bambino a vedere il suo papà in maniera più pacifica?
Giudici, servizi sociali, polizia era davvero quello l'unico modo possibile di agire? Trascinando Leonardo con la forza?
In questa storia escono tutti sconfitti, ma l'unico a subire e pagare per le decisoni altrui, è un bambino di soli 10 anni!
 E' civiltà questa? Certo non è facile, riuscire ad andare d'accordo quando non ci si ama più, richiede un grande sforzo, ma non ci si può per questo barricare dietro un figlio e farne la vittima assoluta della propria guerra.
Un figlio deve venire prima di ogni cosa e per il suo bene, gli adulti hanno il dovere di adoperarsi!

14 commenti:

  1. D'accordo con te. Non ne sapevo niente, me lo hanno raccontato stamattina e sono rimasta sconvolta. Ma i bambini non contano nulla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro invece di venire per primi vengono per ultimi, purtroppo!

      Elimina
  2. Ieri sera ne abbiamo parlato a tavola. Veramente la canaglietta non ha detto nulla, mi è sembrato un pò scosso nel sentire urlare e piangere un bambino. Gli abbiamo spiegato che in "teoria" che chio, in quel momento gli causava dolore, lo faceva per rispettare una legge. E che purtroppo i suoi genitori non erano riusciti a trovare un accordo che permettesse a entrambi di poter stare con il bambino. Un cuginetto ha i genitori separati, l'affido è condiviso, non ci sono tensioni enormi, ma alla fine è comunque sballottato tra tante case (mamme, papà, nonni). Spero di riuscire a non far passare questa esperienza a mio figlio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mettendosi nei panni di quel bambino e pensando ai nostri figli, ciò che sta accadendo è davvero terribile! Vi faccio i complimenti, perchè parlarne a vostro figlio non deve essere stato facile!

      Elimina
  3. Fa male e paura. Vivo (non personalmente ma molto da vicino ) una realtà del genere. Dove una madre accecata dal rancore ha monopolizzato i figli ( PAS sindrome da alienazione genitoriale ) al punto da allontanarli per più di due anni dal padre ,che peraltro ha lasciato lei perche non più innamorata. Padre che per non arrendersi ha dovuto passare attraverso la legge, vedere psicologi, fare percorsi di genitorialità, ma ancora oggi con il rischio della presa in carico dell intera famiglia da parte degli assistenti sociali ( passati 5 anni dalla separazione ) la madre non demorde e continua con il suo costante boicottamento verso la figura paterna. Sta rischiando di rovinare la vita ai figli per una sua personale battaglia. Ma non si può fare altro. E fa paura pensare a quanto gravi potrebbero essere le conseguenze.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già è triste e fa male sapere che degli adulti non si comportano come tali e trascinano i loro figli in una guerra che non dovrebbe assolutamente vederli protagonisti!

      Elimina
  4. Non ho parole per questo tragico e tiristissimo episodio...
    Posso solo affermare con sempre più convinzione
    che gli animali sono decismaente meglio di noi
    cosiddetti "umani"...

    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi "umani" a volte siamo accecati da una irragionevolezza che causa danni a chi non dovrebbe, purtroppo...

      Elimina
  5. Non molto tempo fa un giudice mi pare di Trieste ha "lasciato" la casa alla bambina, e i due genitori si alternano di settimama in settimana. Questo per non togliere quel senso di appartenenza che è la cAsa, la proria cameretta i propri oggetti i suoni e rumori conosciuti. Insomma sono i genitori che fanno le valige ogni settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatta...l'infelice accaduto doveva essere gestito meglio da tutti gli adulti e invece così non è stato ed ora chi ne paga le conseguenze è quel bambino!

      Elimina
  6. che disastro alcuni adulti proprio non riescono a ricordarsi quanto sia difficile essere bambini!
    Ciao
    Isabella

    RispondiElimina
  7. Ciao Mamma Creativa, capisco benissimo i tuoi interrogativi perche' sono anche i miei.

    Durante le 2 puntate di Barbara d'Urso dove c'erano ospiti la mamma e la zia di Leonardo ho pianto tutto il tempo vedendo la loro disperazione e preoccupazione per la salute mentale e fisica del piccolo. Mi sono immedesimata con lui e mi sono chiesta come mi sentirei io ad essere trattata cosi' e messa in "carcere" senza poter vedere mia mamma.

    Non facendo niente, le forze dell'ordine hanno lasciato che il padre e lo psichiatra maltrattassero, perche' di maltattamento di tratta!!!, il bambino davanti ai loro occhi!

    E che dire della poliziotta che ha detto alla zia "lei non e' nessuno"? Le avrei spaccato la faccia, non so' come ha fatto la zia a resistere... {tanto ora e' stata incriminata ugualmente per intralcio all' "aresto"}.

    Meno male che aveva la telecamera e ha rispreso tutto perche' secondo me queste cose succedono tutti i giorni e la gente non lo sa...

    RispondiElimina