Venerdì del libro: Che forza papà!

8.3.13 MadreCreativa 10 Comments

A volte i bambini sono molto più bravi degli adulti a comprendere ed affrontare situazioni diverse dal solito, come nel caso del libro: Che forza papà!
Un gruppetto di bambini s'incontra al parco e inizia a raccontare quanto forti, coraggiosi e in gamba siano i loro papà.
Quando, però, arriva un altro bambino e dice di avere due papà, gli altri non gli credono.
Lui allora racconta la sua storia, del primo papà che ha abbandonato la sua mamma e del secondo papà, che gli vuole tanto bene.
Anche un'altra bambina dice di avere due papà e perfino due case che frequenta ogni giorno. Arriva, infine, Mario e spiega che il suo papà è single, che vuol dire che lo ha cresciuto tutto da solo.
Insomma, non importa quanti siano i papà se singoli o doppi, l'importante è che un papà ti vuole sempre un mondo di bene!
Una storia dolce che affronta in modo tenero e allegro (le illustrazioni sono davvero spiritose), il tema attualissimo dell'essere padre!

Autore: Isabella Paglia
Editore: Fatatrac
Età di lettura: dai cinque anni

10 commenti:

  1. bello! mi piace che tu sia andata contro corrente, pubblicando un post sui papà, proprio oggi, che è l'8marzo = festa della donna...
    ciao ciao e buon weekend
    www.giokaconleo.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Ciao Floriana, da una prima lettura veloce del tuo post mi ero fatta l'idea che il libro trattasse il tema delle coppie omosessuali, poi mi son detta "ma no, in Italia...", e infatti mi confermi che non viene sfiorato questo tema, vero? Resta comunque un libro molto attuale e che di certo sarà utile a tante famiglie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Graziana, non si sfiora questo tema! :)

      Elimina
  3. Conosco l'autrice... Questo libro rigira al maschile il precedente "di mamma c'è n'è una sola" http://moniemom.blogspot.it/2012/04/di-mamma-ce-ne-una-sola-istruzioni-per.html?m=1
    Mi incuriosisce anche questo... Aspettarsi tante domande !!! Ciao Moni

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutte! Davvero che sorpresa!
    Mi sono commossa a leggere sia l'articolo che i commenti.
    Io ci metto tanto ma proprio tanto amore e passione, tutto per i bimbi che adoro. Sono onorata di lavorare per e con loro e me lo dico sempre ogni volta che la gavetta mi sfiacca, il mondo dell'editoria è duro e mal retribuito come tutto del resto ma quando vedo il sorriso di un bambino ... Quello mi riempie, mi ricompensa degli sforzi e dico ecco è per quello che ce la metto tutta! :)
    Un grande grazie di cuore
    isabella paglia ( l'autrice :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata, sono molto contenta di queste tue parole!

      Elimina
  5. Ciao Isabella! Sai, io penso che uno dei modi migliori per sostenere l'autore/illustratore sia quello di portarlo con il suo libro in mezzo alla gente, e di organizzare eventi: a me piacerebbe vedervi di persona leggere il vostro libro. Ma può darsi che di tali eventi ce ne siano ovunque in Italia, tranne che qui da me (sud della Puglia). Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Graziana,
      grazie per le tue parole. Io e Francesca Cavallaro l'illustratrice bravissima di questo e di altri mie libri siamo spesso in giro per le scuole,le Fiere del Libro o a qualche Festival, purtroppo dove le spese di viaggio ce lo consentono, perchè siamo ancora "esordienti" e le spese sono a carico nostro, in Italia purtroppo s'investe poco o niente in cultura e gli scrittori per ragazzi non sono pagati come la Rowling autrice di Harry Potter :)In Puglia, comunque se non ricordo male c'è la Expo Libri in provincia di Brindisi in genere primi di maggio. Forza allora avanti e portiamo libri ovunque. Leggere è così importante... È viaggiare, conoscere, incontrare personaggi e luoghi dell'anima meravigliosi! Un abbraccio isabella

      Elimina
  6. Molto carino. In effetti è sempre difficile parlare di queste cose, c'è sempre il rischio che un bambino si senta diverso, anche se sappiamo bene non lo è! Vederlo su carta è un passo in più...

    RispondiElimina
  7. Ma che carino!!! Tematica delicata che, a ridosso della festa del papà, mi sembra comunque adatta per affrontare certi discorsi... con la leggerezza e la spontaneità di cui i bambini sono capaci.

    RispondiElimina