Dipingere con la tempera all'uovo

21.10.13 MadreCreativa 15 Comments

Ieri pomeriggio ho chiesto a mio figlio Lorenzo:"secondo te, da dove vengono i colori?" e lui mi ha risposto: "mamma, ma è facile, dal Polo Nord!".
Ho deciso di chiarirgli un po' le idee e gli ho raccontato che i pittori tanti anni fa, si servivano di alcune polveri, i pigmenti, per creare i colori.
Queste polveri erano ricavate dai fiori e dai minerali che venivano polverizzate con delle macine, per poi essere utilizzate.
Per prima cosa abbiamo provato a sfregare dei petali di fiori su un foglio bianco, per vedere come rilasciano il colore.
Poi magicamente sono apparsi davanti a noi dei pigmenti (che ho trovato in una piccola bottega in centro), ma come fare per dipingere? 
Con le sole polveri non si riesce, allora ho chiesto a Lorenzo di rimanere nella sua stanza e sono andata in cucina a prendere un uovo
"A cosa serve mamma?"
Ho separato l'albume dal tuorlo ed ho conservato quest'ultimo in un bicchiere.
"Oh mamma ma cosa ce ne facciamo di un uovo?"
"Creiamo i colori! Sai Lorenzo gli artisti tantissimi anni fa, dipingevano con la tempere all'uovo, mescolando i pigmenti con il tuorlo ed oggi proveremo anche noi!".
Abbiamo versato ognuno dei pigmenti nello scomparto di una tavolozza, abbiamo aggiunto un po' d'uovo ed abbiamo mescolato con dei pennelli.
Abbiamo ottenuto dei colori brillantissimi con i quali il piccolo ha scelto di dipingere una gru.
Questa tecnica, è antichissima e l'artista Cennino Cennini nel suo Trattato di Pittura, insegna come  creare e utilizzare i colori, fornendo un vero ricettario per realizzare ciascun pigmento.
Noi abbiamo imparato, attraverso il gioco, a creare i colori per dipingere come i pittori del Quattrocento.

15 commenti:

  1. Un ritorno alle origini davvero a portata di bambino! Ottima dritta! ^_^

    RispondiElimina
  2. Meravigliose le scoperte dei piccoli... soprattutto quando accompagnate e guidate.... Buona settimana!

    RispondiElimina
  3. E la puzza di uovo??? :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la quantità di uovo usata è così piccola, che non si sente alcuna puzza :)

      Elimina
  4. l'anno scorso volevo provarci anche io, poi mi è mancato il coraggio dei pasticciare quest'anno ci provo!

    RispondiElimina
  5. Bello bello.
    Posso dare un suggerimento per non sprecare l'uovo o per le mamme vegan?
    Al posto dell'albume si può usare il gel di semi di lino fatto in casa :)

    RispondiElimina
  6. Ma che brava,complimenti.
    ti ho assegnato un premio Versatile blogger award.
    http://piccolecreativita.blogspot.it/2013/10/ho-ricevuto-un-premio.html

    RispondiElimina
  7. wow! meraviglioso... complimenti! :)

    RispondiElimina
  8. Faccio spesso questo laboratorio con le scuole. Per farli calare ancora di più nella parte dei pittori medievali, gli faccio preparare anche le polverine, facendogli pestare dei gessetti colorati (oppure pezzettini di carbone per fare il nero) in un bicchierino, a cui poi aggiungiamo l'uovo con un cucchiaino di acqua distillata. In questo caso i colori restano più chiari, simili ad acquarelli, ma i bimbi restano sempre stupiti ed entusiasti di aver creato i colori con le loro stesse mani!

    RispondiElimina