Sulle tracce di...Andy Warhol

3.10.13 MadreCreativa 11 Comments

Riprende oggi la rubrica Sulle tracce di...

ed oggi voglio presentarvi un genio indiscusso dell'arte contemporanea: Andy Warhol.
Studia al Carnegie Institutte of Tecnology e lavora, negli anni Cinquanta, a New York come grafico pubblicitario. Intorno al 1960 ha inizio il percorso artistico che lo colloca tra gli esponenti più in vista della pop art. In quegli anni riproduce, nelle sue opere, vignette fumettistiche, pagine di giornali, bottiglie di Coca Cola, le lattine della minestra Campbell che grazie a lui sono diventate famosissime.
Si tratta di immagini e oggetti diffusi dai mezzi di comunicazione di massa e di fruizione collettiva.
Dal 1963 Warhol si dedica soprattutto all'analisi dei miti della società contemporanea: i divi dello spettacolo e della politica (serigrafie, riprese con i colori, di Elvis Presley, Marlon Brando, Jacqueline Kennedy, Marylin Monroe, Liz Taylor, Mao Tse tung), i fatti di cronaca e giudiziari.
Sempre dal 1963 inizia, in collaborazione con gli operatori del suo studio, la famosa Factory, la produzione di film underground consistenti nelle registrazioni di scene di vita comune. Anche in questi lavori lo sguardo di Warhol si afferma come uno dei motivi fondamentali della pop art: la riflessione sulla condizione e le contraddizioni dell'uomo contemporaneo.

Dopo aver presentato ai bambini questo straordinario artista, si può realizzare insieme a loro, un ritratto con la tecnica della pop art. In che modo?
Con una fotocopia in bianco e nero che ritragga il viso di ciascun bambino. Proponendo loro di colorare alcuni particolari del viso, adoperando colori forti e contrastanti. Si può scegliere anche un'immagine della maestra o come nel mio caso della mamma!
Attraverso l'uso di tempere colorate, Lorenzo ed io ci siamo divertiti a trasformare la mia immagine in un'opera pop!
Che ve ne pare?

11 commenti:

  1. Risposte
    1. ahahahahah....ma che ridicola che sono, vorrai dire!

      Elimina
  2. mi piace molto questa rubrica, e l'idea di far conoscere ai bambini l'arte in questo modo lo trovo proprio divertente! ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena, penso che sia il modo più adatto per i bambini!

      Elimina
  3. Mi piace tantissimo l'idea di riproporre ai bambini l'arte, in modo adatti a loro. Alla scuola dell'infanzia del nostro comune, ogni anno le maestre propongono un artista diverso: uno spettacolo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo, l'arte si può proporre ai bambini anche molto piccoli, peccato che non tutti hanno la stessa sensibilità :)

      Elimina
  4. Andy Warhol, che nei suoi autoritratti ricorda quelli, pur rari, di Pasolini, riproducendo le icone contemporanee, come immagini bizantine senza profondità dove l'abside è il mondo, (Marilyn, la Gioconda, Che Guevara, ecc...), di fatto portava alla ribalta il volto archetipo. Cfr. Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo (ebook, Amazon). Grazie.

    RispondiElimina