Sulle tracce di...Mark Rothko

25.2.14 MadreCreativa 1 Comments

E' davvero tanto che non scrivo un post per la mia rubrica Sulle tracce di…!
Oggi ci mettiamo sulle tracce di Mark Rothko.

Emigra ancora bambino, nel 1913, negli Stati Uniti dove si avvicina all'attività artistica a New York. Inizialmente interessato al Surrealismo, si lega poi alla Scuola di New York, concentrando nelle proprie opere una trasposizione rarefatta della realtà. Nel dopoguerra, la sua pittura diventa maggiormente astratta, con quadri dalle dimensioni più ampie, vero e proprio spazio in cui stende grandi campiture di colore, tipiche del suo operare, alla costante ricerca di rapporti cromatici.
Rothko mette a punto una tecnica particolare, disciogliendo l'impasto pittorico in acquerelli, ottiene una cromai intensa e vibrante che stende in diverse velature, spesso dalla forma rettangolare, nebulose dai contorni sfrangiati che illuminano la tela.


Dopo aver presentato ai bambini l'artista e mostrato loro le sue opere, è possibile provare a sperimentare la sua arte utilizzando dei cartoncini neri e dei gessetti colorati.
Il procedimento è molto semplice: scegliere dei gessetti di colori complementari, con questi creare dei rettangoli di diverse dimensioni sul cartoncini nero  e contornare con un colore contrastante, i diversi rettangoli in modo da formare una cornice intorno ad essi.
L'attività favorisce la concentrazione e aiuta il bambino a migliorare la consapevolezza di uno spazio suddiviso.


1 commento: