Dipingere con forchetta e cucchiaio: i pulcini

31.3.14 MadreCreativa 14 Comments

Quando Lorenzo è a casa da scuola, mi piace proporgli delle attività creative nuove e un po' insolite. Gli ho chiesto di provare a dipingere usando strumenti diversi dal solito come forchette e cucchiai di legno e ne è venuto fuori un quadretto molto carino in tema con la Pasqua.

Materiale occorrente:
tempere colorate
forchette
cucchiai
cartoncino bianco

Per prima cosa abbiamo intinto una forchetta nella tempera verde per creare il prato. 
Abbiamo ripetuto lo stesso procedimento utilizzando però un cucchiaio di legno per creare il corpo dei pulcini.
Con la forchetta abbiamo dipinto ali, becco e zampe dei pulcini.
Una volta asciutti con il retro del cucchiaio di legno abbiamo realizzato gli occhi dei pulcini.
Per completare il nostro quadretto, abbiamo aggiunto un sole.
Il quattrenne si è molto divertito a sperimentare questi strumenti inusuali per dipingere i pulcini e anch'io mi sono divertita a vedere la sua faccia mentre li utilizzava.
Durante il colloquio con la maestra, lei mi ha detto che quando Lorenzo dipinge o disegna, pur conoscendo perfettamente i colori, li usa a suo piacimento, pertanto ne vengono fuori ritratti del papà tutti blu o della mamma arancioni, ma lei lo lascia fare: "d'altronde anche Picasso ha avuto il suo periodo blu" mi ha detto ed io la adoro anche per questo.
Lorenzo in casa non è mai stato indirizzato a colorare nei bordi o a scegliere il colore "appropriato" a ciò che disegna, gli ho sempre lasciato assoluta libertà di scelta e anche se so che difficilmente a scuola elementare gli lasceranno questa libertà, io per ora lo lascio libero di esprimersi e di cambiare un po' prospettiva, poi si vedrà.
I vostri bambini come vi disegnano con la pelle rosa, la bocca rossa e i capelli neri o scegliendo a piacimento i colori?

14 commenti:

  1. Ciao Floriana, seguo i tuoi post con molto interesse avendo anch'io la passione (con poco tempo) di creare e inventari lavoretti con il mio Mattia che anche lui a volte usa colori inappropriati o forse come a lui piacerebbe fossero mi vien da pensare; ed ecco che cosi' mi colora il tetto di una casa giallo, oppure un fiore con i petali verdi etc etc ma lo lascio fare senza tanti accorgimenti.
    Ciao e grazie per i suggerimenti che ogni giorno ci dai.

    RispondiElimina
  2. E' una bellissima idea!!! Anche io lascio che usino i colori come vogliono!!! Sono d'accordo con te! Un abbraccio simo

    RispondiElimina
  3. Per i colori, il piccoletti si attiene abbastanza alla realtà, lui interpreta su misure, capelli, la barba o i baffi... cose così... ah, "ci veste" come piace a lui, chiaramente ^_^
    I pulcini sono carinissimi, l'idea delle posate è fantasiosa e curiosa!!!

    RispondiElimina
  4. Carinissimo il quadretto! Anche Federico si attiene abbastanza ai colori, ma da quando a scoperto la favola di Cappuccetto Bianco di Munari, ogni tanto disegna senza fare i contorni (del viso disegna solo occhi, naso e bocca) perché dice che sono sulla neve.

    RispondiElimina
  5. beh, con la piccola (20 mesi) siamo ancora alla fase scarabocchi, ma anche il grande (3 anni) non è che faccia proprio caso ai colori e direi che va benissimo così! ;-)
    Carinissimo il vostro quadretto!! Bravi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti anche secondo me va benissimo così!

      Elimina
  6. totale libertà, salvo nei casi in cui è lei stessa ad usare un approccio più "investigativo" che creativo, o quando c'è un'attività mirata di un certo tipo, ma quando c'è da dedicarsi al puro e semplice piacere del disegno libero non c'è limitazione alcuna!

    RispondiElimina
  7. Anche la mia piccola treenne è totalmente libera di utilizzare i colori che vuole nel modo in cui vuole. E non mi sognerei mai di suggerirle una virgola mentre mette su carta...e non solo....i color che più la ispiranp al momento.
    Bella idea questi nuovi strumenti per colorare, glieli proporrò di sicuro!

    RispondiElimina