Che brava mamma ERO!

30.7.14 MadreCreativa 14 Comments

Diciamo la verità,  come mamma di Lorenzo io mi sono sentita sempre figa! 
Ho un bimbo di cinque anni che si esprime come un vocabolario Treccani, che non fa capricci inutili, con cui si può andare ovunque, disponibile, come si fa a non sentirsi fighi? A non pensare che tutto ciò è anche in minima parte merito mio?
Da quando è nata Giulia la situazione è molto cambiata. 
Quel bambino con cui mi sono sempre sentita in profonda sintonia si è trasformato in un "avversario"; non un nemico, attenzione, ma in quello che in letteratura si definisce un antagonista, sì insomma in quello che mi mette continuamente alla prova facendomi sentire alla fine di ogni giornata pessima e inadeguata.
Il bambino disponibile di cui sopra, proprio non ci sta a dover dividere le attenzioni con la sorella, (che ama alla follia riempendola di baci fin quasi a soffocarla).
Non accetta di dover parlare ad un tono un po' più basso di voce "perché c'è Giulia che dorme" (già perché Giulia ha un sonno talmente leggero, che si sveglia persino con il clap della custodia del telefonino quando si chiude! ).
Ripeto lui la ama tantissimo,  ma come è normale che sia, sta vivendo un periodo di adattamento alla nuova situazione che mette a dura prova tutti e anche me.
Io che ho sempre cercato di entrare in empatia con mio figlio, di essere comprensiva e indulgente, sono diventata in poco più di due mesi,  una mamma normativa e severa. Una mamma che rimprovera più facilmente, invece di cercare di comprendere il perchè di un comportamento o di un capriccio.
Per questo la sera, dopo aver messo a letto la piccola, corro ad abbracciarlo.
Lui stringendomi forte mi dice: "mamma quanto bene sei!"; io mi immergo in quell'abbraccio e piango, ma in quelle parole trovo la forza per continuare a cercare una mia serenità interiore e a provare a sentirmi adeguata nel ruolo di mamma bis.
Ce la farò? Vedremo!

14 commenti:

  1. Flo cara, è bello leggerti perchè nel tempo scoprirai che quello che ti fa essere così inadeguata è anche quello che ti fa essere una mamma che i figli ammirano e perdonano nonostante le sfuriate. Sapere di sbagliare ci fa essere migliori. Non ti dico che disastro io con tre, ma fa niente, si può sempre ripartire, fare tesoro del loro perdono. Ti abbraccio e ti sento molto compagna!

    RispondiElimina
  2. eccomi tra qualche mese mi sa che sarò nella stessa situazione... ce la farai, come ce la farò io, se scopri il segreto di come si fa però fammelo sapere!!! ;)

    RispondiElimina
  3. Dura per il principe dividere la sua mamma, seppure con una sorellina che ama.
    I "primi" sono un pò sfigati in un certo senso...ma credo che questo momento di riequilibrio rinsalderà il vostro rapporto...dai se sei stata figa per uno non potrai che essere figa al quadrato no?
    Un bacio dolcissima mamma <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero davvero che non ci allontani, ma anzi ci renda ancora più uniti. Grazie

      Elimina
  4. Forse Flo il segreto è solo darsi TEMPO...
    io ricordo ancora che quando rientrai dall'ospedale Annamaria aveva la febbre a 40 e io non potevo prendermi cura di lei esclusivamente e via di pianti, di senso di fallimento, di cuore spezzato...poi si impara a mediare e a farsi perdonare dai nostri figli come dice Rita...a creare dei momenti esclusivi per l'uno e per l'altro!

    Una mamma bis in perenne autoanalisi
    ce la faremo!

    bisous

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo profondamente nella "cura del tempo" per risolvere situazioni difficili.
      Ce la faremo! Ti abbraccio!

      Elimina
  5. Quanto è difficile essere per due quello che fino a pochi mesi eravamo per uno! Io sto passando per la stessa esperienza che sta mettendo a dura prova le mie "competenze acquisite" di mamma...
    Coraggio ce la possiamo fare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una perenne scuola di pazienza e comprensione, ma non sempre è facile.
      Grazie mi sento meno sola!

      Elimina
  6. no cara Floriana.
    mi ripeterò ma, datti tempo. anche questo è un momento di crescita per tuo figlio, ora deve imparare a condividere.
    L'amore è grande uguale, il tempo lo imparerai a gestire, e tuoi figli te ne saranno grati.
    Io ho il problema inverso: non riesco a dedicare il tempo alla terza come ho fatto con le gemelle. c'è sempre da imparare.
    ce la facciamo sì! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu e Rita con tre figli siete le mie eroine! Avete tutta la mia stima sorelle!

      Elimina
  7. sono sicura di sì, non fosse altro che per il fatto di saper aprire gli occhi davanti ai tuoi eventuali limiti, di accorgerti quando il tuo principe si sente "fuori posto". Sono figlia unica e madre di un bimbo di 16 mesi...penso al fratello ma prima devo convincere il papà a replicare i primi mesi di notti insonni e i 9 mesi di acciacchi (come se dovesse passarli lui!!!) ma mi sono sempre chiesta come facciano i genitori di due o più figli a destreggiarsi. Forse perchè, come si dice, con i figli l'amore non si divide ma si moltiplica ;)

    RispondiElimina
  8. uhu... come ti capisco. anche tommaso è appiccicosissimo con la sorellina e a me dà baci solo a pregarlo. non mi sfida o mette alla prova, semplicemene mi cerca meno e vuole stare meno tempo con me. in parte è un sollievo perchè ancora non so sdoppiarmi, in parte è ua trtura con un gran senso di perdita...

    RispondiElimina